Cos’è una infiammazione?

La parola infiammazione deriva dalla parola latina “inflammatio”, che si traduce in “accendere” o “dare fuoco”. Nel primo secolo d.C., lo studioso romano e medico enciclopedico Aulo Cornelio Celso descrisse i sintomi clinici dell’infiammazione come: calor (calore), dolor (dolore), rubor (rossore), e tumor (gonfiore). I 5 sintomi principali sono: calore, dolore, rossore, gonfiore, e limitato raggio di movimento.

L’infiammazione è un meccanismo di difesa che aiuta a mantenere l’omeostasi ed è importante nel processo di guarigione. Per esempio, l’infiammazione da lesioni fisiche, l’irritazione della pelle e le allergie al seno hanno risposte immunitarie uniche come le sostanze chimiche stimolate e risolte, anche se le fasi comuni della cascata infiammatoria le riportiamo qui in questo articolo.

Comprendere il processo infiammatorio

Il processo di infiammazione è avviato da un grado variabile di trauma o danno. Il trauma iniziale che scatena l’infiammazione può verificarsi internamente o esternamente. Il trauma iniziale che scatena l’infiammazione può verificarsi in molti modi diversi, gli esempi possono andare da un taglio di carta, polline, alcuni alimenti, prodotti topici sensibili, caviglia slogata, ossa rotte o condizioni di salute sottostanti come l’artrite.

La prima risposta a una lesione o a un trauma a una cellula

È il riconoscimento immediato del danno alle cellule da parte delle cellule immunitarie sentinella, come i mastociti o i macrofagi. Queste cellule immunitarie sentinella sono spesso indicate come la prima linea di difesa del corpo perché il loro compito è quello di riconoscere i danni o i microbi nocivi e segnalare un reclutamento di fattori infiammatori per regolare e rimuovere il danno, iniziando così la cascata immunitaria-infiammazione. La vasodilatazione facilita il trasporto di fattori infiammatori tra cui plasma e globuli bianchi (WBC) al sito della lesione. Questa attivazione porta alla presentazione di dolore e rossore e può durare generalmente 2-5 giorni.

La fase subacuta

È il periodo dopo che si è verificata una lesione e prima che il sistema immunitario prenda il compito di guarire il sito della lesione. L’obiettivo della fase subacuta è quello di rimuovere le minacce acquisite e riparare le strutture danneggiate. I GB immunitari migrano nell’area colpita dove stimolano il rilascio di mediatori infiammatori come anticorpi, immunoglobuline (IgE), citochine (IL, TNF) e prostaglandine (PGE2). La concentrazione localizzata di sostanze è ciò che causa il gonfiore. Un ulteriore processo in questa fase è la produzione di ossido nitrico (NO), che è una sostanza che “produce dolore”.

La fase finale di un processo di guarigione

È chiamata fase cronica, durante la quale si verifica il rimodellamento e la maturazione della lesione o del trauma originale. Una volta che l’induttore dell’infiammazione è stato rimosso, si verifica il processo di guarigione della ferita e/o di riparazione del tessuto, in cui il tessuto danneggiato si rigenera o può essere sostituito con fili di collagene e fibroblasti per iniziare il processo di rimodellamento. Se l’infiammazione continua o le strutture vengono ulteriormente distrutte, si verifica il tessuto cicatriziale o la fibrosi.

Qual è la differenza tra infiammazione acuta e cronica?

Nell’infiammazione acuta, l’esordio è rapido con sintomi a breve termine che possono essere gravi. L’infiammazione cronica ha una presentazione a lungo termine con una durata prolungata che può durare per anni. Circa 3/5 persone muoiono per malattie infiammatorie croniche, in tutto il mondo. L’infiammazione cronica ha sintomi aggiuntivi tra cui stanchezza, cambiamenti di umore, difficoltà a dormire, febbre, eruzioni cutanee, cambiamenti di peso, complicazioni gastrointestinali, infezioni frequenti e dolore continuo.

Alcuni consigli per aiutare a gestire meglio l’infiammazione

Così come ci sono vari fattori che contribuiscono alla progressione dell’infiammazione, ci sono anche molteplici strategie per la gestione dei sintomi, tra cui terapie farmaceutiche, fisiche, alterazioni della dieta o dello stile di vita e altre modalità di medicina complementare o alternativa. A questo proposito, se hai bisogno di fare delle terapie con prodotti naturali puoi andare sullo shop online di Secondo Natura che è una erboristeria in grado di offrirti molte soluzioni per il tuo benessere psicofisico.

Antinfiammatorio naturale

I rimedi erboristici e naturali possono includere fonti alimentari naturali come antiossidanti, vitamine, minerali, e altro. Questi rimedi hanno azioni dirette nel ridurre l’infiammazione. Il termine ‘antinfiammatorio’ si riferisce a una sostanza che ha azioni dirette nel ridurre l’infiammazione. Le fonti alimentari dietetiche con azioni antinfiammatorie possono inibire percorsi come la cicloossigenasi (COX) e quindi i mediatori infiammatori come le prostaglandine, TNF, IL, ecc.

Antiossidanti

  • Il resveratrolo, che si trova nell’uva e nelle arachidi, o le catechine che si trovano nel tè verde, hanno azioni antiossidanti e proprietà antinfiammatorie. Questi potenti polifenoli possono inibire la produzione di mediatori infiammatori. Ottime fonti di EPA sono i frutti di mare come il salmone, le aringhe, le acciughe o i prodotti a base di alghe. Quando si tratta di sintomi di infiammazione, è necessario consumare un alto rapporto di acidi grassi omega-3 e omega-6.
  • La quercetina è un altro fitonutriente con benefici antinfiammatori. Può essere alimento in alimenti come cipolle rosse, cavoli, capperi, pomodori, asparagi, broccoli, agrumi, ciliegie, frutti di bosco e mele.
  • La bromelina è un costituente dell’ananas che ha anche azioni antinfiammatorie naturali.

Quali alimenti possono aiutare?

Gli alimenti ricchi di antiossidanti e altri nutrienti benefici possono aiutare a proteggere dall’infiammazione, e minerali come il magnesio che si trova nelle verdure a foglia verde e lo zinco che si trova nelle ostriche sono esempi di tali nutrienti.

Hai bisogno di cambiare la tua dieta?

Molte diete popolari hanno dimostrato di aiutare a ridurre l’infiammazione tra cui la dieta mediterranea, una dieta a basso indice glicemico (GI) e le diete chetogeniche.

Una dieta antinfiammatoria deve idealmente includere una maggiore assunzione di antiossidanti e cibi ricchi di fibre, oltre a garantire un adeguato equilibrio di grassi sani, proteine e carboidrati.

Cerca di evitare

Si raccomanda di limitare l’assunzione di carboidrati raffinati come la pasta bianca, i grassi trans come la margarina, le carni lavorate come i salumi e gli zuccheri. È meglio evitare questi gruppi di alimenti perché aggravano l’infiammazione e producono prodotti finali della glicazione avanzata (AGE) e hanno effetti dannosi sulle cellule.

I suggerimenti sullo stile di vita della dieta antinfiammatoria possono includere una moderata attività fisica per mantenere una gamma di peso sano, ridurre i livelli di stress, permettere un sonno sufficiente per la riparazione e il recupero cellulare, e gestire qualsiasi condizione preesistente. Si raccomanda anche di ridurre l’assunzione di alcool e il fumo in quanto possono creare infiammazione che spinge le tossine nel corpo.

Redazione
La redazione di Go-On-Italia.it si occupa di ambiente, arte, cultura, nuove tecnologie & web, travel, food, salute, sport e tanto altro. Cerchiamo di offrire i migliori consigli ai nostri utenti e rendere la nostra passione, per la notizia e la scrittura, un qualcosa da poter condividere con tutti. Puoi contattarci tramite E-mail a: onlyredazione[@]gmail.com